Info dal CGIE sul Referendum del 04-12-2016

Consiglio Generale degli Italiani all’Estero

 

 

Referendum Costituzionale  

4 dicembre 2016

 

Con Decreto del Presidente della Repubblica del 27 settembre 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 227 del 28 settembre 2016 sono stati convocati per domenica 4 dicembre 2016 i comizi elettorali per il REFERENDUM POPOLARE CONFERMATIVO avente ad oggetto il seguente quesito referendario: Approvate il testo della legge costituzionale concernente “disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione” approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016?

 

 

Elettori residenti all’estero ed iscritti nell’AIRE 

Gli elettori residenti all’estero ed iscritti nell’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) riceveranno come di consueto il plico elettorale al loro indirizzo di residenza. Qualora l’elettore non lo ricevesse potrà sempre richiederne il duplicato all’Ufficio consolare di riferimento. Si ricorda che è onere del cittadino mantenere aggiornato l’UFFICIO CONSOLARE competente circa il proprio indirizzo di residenza.

Chi invece, essendo iscritto nell’AIRE, intende votare in Italia, dovrà far pervenire all’UFFICIO CONSOLARE competente per residenza (Ambasciata o Consolato) un’apposita dichiarazione (vedasi fac-simile) su carta libera che riporti: nome, cognome, data e luogo di nascita, luogo di residenza, indicazione del comune italiano d’iscrizione all’anagrafe degli italiani residenti all’estero, l’indicazione della consultazione per la quale l’elettore intende esercitare l’opzione.

La dichiarazione deve essere datata e firmata dall’elettore e accompagnata da fotocopia di un documento di identità dello stesso e può essere inviata per posta, telefax, posta elettronica anche non certificata, oppure fatta pervenire a mano all’UFFICIO CONSOLARE, anche tramite persona diversa dall’interessato, entro l’8 ottobre 2016, con possibilità di revoca entro lo stesso termine.

 

Elettori temporaneamente all’estero. 

Gli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento del Referendum, nonché i familiari con loro conviventi, potranno partecipare al voto per corrispondenza organizzato dagli uffici consolari italiani (legge 459 del 27 dicembre 2001, comma 1 dell’art. 4-bis), ricevendo la scheda al loro indirizzo all’estero.

Per partecipare al voto all’estero, tali elettori dovranno – entro l’8 ottobre 2016 – far pervenire AL COMUNE d’iscrizione nelle liste elettorali un’apposita opzione. E’ possibile la revoca entro lo stesso termine. Si ricorda che l’opzione è valida solo per il voto cui si riferisce (ovvero, in questo caso, per il Referendum del 4 dicembre 2016).

L’opzione (fac-simile qui reperibile) può essere inviata per posta, telefax, posta elettronica anche non certificata, oppure fatta pervenire a mano al Comune anche da persona diversa dall’interessato (nel sitowww.indicepa.gov.it sono reperibili gli indirizzi di posta elettronica certificata dei comuni italiani).

La dichiarazione di opzione, redatta su carta libera e obbligatoriamente corredata di copia di documento d’identità valido dell’elettore, deve in ogni caso contenere l’indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale, l’indicazione dell’Ufficio consolare competente per territorio e una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per l’ammissione al voto per corrispondenza (vale a dire che ci si trova – per motivi di lavoro, studio o cure mediche – in un Paese estero in cui non si è anagraficamente residenti per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento del referendum; oppure, che si è familiare convivente di un cittadino che si trova nelle predette condizioni).

La dichiarazione va resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2000, n. 445 (testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa), dichiarandosi consapevoli delle conseguenze penali in caso di dichiarazioni mendaci (art. 76 del citato DPR 445/2000).

Premio letterario AUDAX 2019

RSS San Marino RTV

Il portale dei servizi consolari

RSS Libertas.sm

  • CIS, conti sopra ai 100mila euro bloccati da 3 a 7 anni Luglio 22, 2019
    Prosegue a spron battuto la procedura di risoluzione di Banca Cis, che ha dato vita alla Banca Nazionale Sammarinese. Dopo l'annuncio della fine dell'amministrazione straordinaria, oggi è la Banca Centrale di San Marino ad intervenire pubblicamente per dare ulteriori informazioni, in particolare sul destino dei depositi presenti nell'istituto che fu di Marino Grandoni e Daniele Guidi. […]
  • Fumata nera per la soluzione al "Caso targhe" Luglio 22, 2019
    San Marino Rtv segnala come gli emendamenti tanto attesi da San Marino riguardante il "Caso targhe", siano stati dichiarati inammissibili dal presidente della Camera Fico.  Il deputato leghista Flavio Di Muro ha spiegato all'emittente televisiva sammarinese che "l'unico modo di veder approvati quegli stessi emendamenti, è che passino insieme al nuovo codice della strada, che verrà […]
  • San Marino. Il Mis plaude alla "soluzione sistemica" e pensa alla prossima legislatura Luglio 22, 2019
    "Apprendiamo con favore della soluzione sistemica che l'intero arco parlamentare, con il contributo di tutte le organizzazioni di categoria e datoriali, ha apportato in occasione dell'ultima sessione straordinaria del C.G.G., che comunque non potrà prescindere dall'accertamento delle responsabilità individuali e collettive, che hanno causato l'ennesimo dissesto bancario, non fosse altro per limitare il più possibile […]
  • San Marino. I consiglieri Cecchetti e Margiotta preoccupati per le notizie sul tribunale Luglio 22, 2019
    "Danno parecchio nell’occhio ed è impossibile tacere di fronte alle notizie arrivate in questi giorni che coinvolgono il nostro Tribunale". A scriverlo sono i consiglieri indipendenti Giovanna Cecchetti e Tony Margiotta, che aggiungono: "La nostra preoccupazione ha radici lontane, essa risale almeno al tempo dell’allontanamento – non previsto dalla legge – dell’ex Magistrato Dirigente ed è aumentata […]
  • San Marino. Sul caso Cis, Rete e Md assicurano: "Vigileremo sulle azioni di responsabilità" Luglio 22, 2019
    "In data odierna, con la cessazione dell'amministrazione straordinaria di Banca Cis e il conseguente sblocco dei pagamenti, inizierà per la banca la fase di Risoluzione approvata il 14 Luglio scorso in Consiglio grande e Generale". Inizia così il comunicato inviato da Movimento RETE e Movimento Democratico San Marino Insieme, che prosegue: "Un provvedimento, quello della risoluzione, […]

RSS LAVORO.GOV.IT

Copyright © 2019 Com.It.Es San Marino

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. click su "Accetta" per consentire al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi