Pensionamento anticipato “Opzione donna”

Gentile Presidente,

ho il piacere di informarLa che la legge di bilancio per il 2017 (art. 1, commi 222 e 223 legge 11.12.2016, n. 232) ha esteso a partire dal 1 gennaio 2017 l’applicazione dell’istituto pensionistico denominato “opzione donna”, che consente alle lavoratrici di ottenere la pensione di anzianita’ con requisiti anagrafici piu’ favorevoli rispetto a quelli in vigore dal 1 gennaio 2008 in poi (legge “Fornero”). Si permette in sostanza l’uscita anticipata per le lavoratrici a fronte di una penalizzazione sull’assegno mensile a fronte di un’anzianita’ contributiva di 35 anni e anagrafica di almeno 57 anni per le lavoratrici dipendenti (58 per le autonome). Si tratta di un regime sperimentale in quanto previsto solo per chi ha maturato i requisiti nel periodo dal 1 gennaio 2008 al 31 dicembre 2015.

Tale beneficio riguarda anche le lavoratrici residenti all’estero che possano totalizzare i contributi previdenziali versati in Italia con quelli del Paese con il quale e’ in vigore un accordo di sicurezza sociale.

Pertanto, per opportuna informazione e documentazione, Le trasmetto in allegato una sintetica scheda desunta dal sito dell’INPS che illustra il predetto istituto di pensionamento anticipato, specificandone i requisiti, la decorrenza e le modalita’ di presentazione della domanda, nonche’ il messaggio esplicativo dell’Istituto del 15 marzo scorso.

Con i miei migliori saluti

Leggi qui il documento originale

Author: S M