Grido d’allarme dei concittadini

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Il Comites ha interessato tutti i possibili canali per trovare soluzioni ai problemi che stanno attanagliando i nostri concittadini, a seguito al COVID 19. Speriamo che si possa trovare un aiuto per coloro che ne hanno bisogno e per questo continueremo a batterci fino alla fine del nostro mandato ed anche oltre!

domenica 19 aprile 2020

COMUICATO STAMPA

Il COVID colpisce tutti, qualcuno fisicamente, ma certo tutti finanziariamente! Ma come in tutte le crisi, c’è chi rischia più degli altri. Da una indagine con autorità di vari paesi, abbiamo verificato che quei cittadini che esportano il MADE IN ITALY in tutto il mondo, (che spesso sono i veri ambasciatori dell’Italia, portando la loro arte, conoscenze e anche il lavoro nei paesi esteri), oggi rischiano di trovarsi in seria difficoltà. Sulla falsa riga della crisi del 2008, noi del Comites San Marino ci siamo mossi per trovare soluzioni preventive ad uno scenario molto possibile. Abbiamo pensato di informare le autorità per prevedere aiuti per quei cittadini che si trovano o si troveranno in seria difficoltà. Sono partite varie email, a tutti i possibili referenti, atte a sensibilizzare sulla questione. Purtroppo in tempi di crisi i più deboli pagano maggiormente, e quindi cittadini italiani in terra straniera hanno la necessità di avere un grande supporto e grande attenzione da parte delle Ambasciate. Ci siamo posti in collaborazione per essere da punto di raccordo fra i nostri concittadini e l’autorità competente ma anche per aiutare l’istituzione ad amplificare le loro richieste di aiuto. Il problema è generalizzato, ma alcuni stati non si limitano ad aiutare solo i propri cittadini. I paesi anglo- sassoni sono quelli con più discrepanze, mentre i paesi latini tendono a non differenziare. Ma paesi che vivono di forte frontalierato, o di lavoro straniero, come si comporteranno? Un problema che a noi non compete ma che non possiamo trascurare visto che inciderà nell’economia mondiale e quindi anche nostrana. Questo virus ci ha fatto capire quanto il nostro orticello dipenda e molto da quello degli altri, e che serve una solidarietà generalizzata per trovare una soluzione consona a tutti! Oggi chi ha di più sia solidale con chi non è così fortunato, e per questo che abbiamo chiesto al nostro ambasciatore di intavolare una discussione per trovare una soluzione con le autorità sammarinesi su bollette e affitti, che non possono essere coperti da integrazione al 30%, o addirittura da mancanza di reddito anche dovuto al COVID -19. In ultimo siamo a porre le condoglianze a chi in questo brutto momento ha anche dovuto sopportare uno o più decessi dei propri cari, e annotare che la cosa più tremenda è non poter portare a queste persone un ultimo saluto, forse più necessario a noi che rimaniamo che a loro che vanno, ma rendendo la morte disumana! L’uomo non può comportarsi come il virus, e nessuno deve essere abbandonato al suo destino, e dimenticato!

IL PRESIDENTE DEL COMITES SAN MARINO

Renzi Diego

Author: Diego Renzi